Descrizione percorso Descrizione percorso

 

 

 

 

 

02/01/2017 - APPROVATO IL MANIFESTO FILALE PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO

 

 

La Giunta di Campiglia Marittima nella sua ultima seduta dell’anno ha approvato la delibera che licenzia il manifesto della partecipazione del progetto Facciamo Centro Insieme, co-finanziato dalla Regione Toscana attraverso la L.R. 46/2013. Il percorso era cominciato il 7 dicembre 2015 con l’obiettivo di migliorare il centro storico di Campiglia attraverso un programma di idee condivise tra i principali attori locali e con la partecipazione diretta dei cittadini (sia residenti che fruitori abituali del centro storico, quali turisti e lavoratori o volontari).

Il processo è stato guidato dall’Amministrazione, in collaborazione con un Comitato per la Partecipazione costituito da rappresentanti politici del Consiglio Comunale e della Giunta, e da esponenti locali dell’associazionismo, del volontariato e del commercio: Molteplici sono stati gli strumenti di partecipazione e interazione con i vari portatori di interesse: sono state effettuate interviste a dodici informatori chiave scelti dal Comitato per la partecipazione e considerati rappresentativi di interessi locali importanti; è stata organizzata una assemblea aperta al pubblico nel mese di aprile; sono stati inviati questionari a tutti i residenti e domiciliati nel Capoluogo; infine sono stati attivati vari strumenti di comunicazione on line (2 piattaforme di dialogo permanenti e una mail istituzionale dedicata).

Massimo Battaglia, assessore con delega alla Partecipazione: “Siamo soddisfatti del percorso e del quadro di idee emerse dal processo partecipato. Avremmo forse sperato in una partecipazione maggiore di cittadini nel corso dell’iniziativa assembleare aperta, ma la molteplicità degli strumenti adottati ha comunque permesso di far emergere priorità e preferenze, e questo era l’input che volevamo. Sulla base di tali indicazioni abbiamo redatto un manifesto di attività che prevede impegni per i prossimi due anni e mezzo chiari e scadenzati temporalmente. Queste azioni sono state selezionate in quanto considerate coerenti con gli indirizzi politici con cui ci siamo presentati agli elettori, e perché considerate compatibili con le disponibilità finanziarie e le risorse tecniche a nostra disposizione”.

Gli interventi abbracciano diversi temi, e saranno presentati al pubblico in una iniziativa aperta che sarà organizzata nel corso del mese di gennaio.

Nel merito, i 10 punti del Manifesto licenziato dalla Giunta vanno da azioni orientate ad accrescere l’attrattività residenziale del centro storico (riduzione TARI per nuovi residenti, recupero di strutture pubbliche destinate ai giovani, e creazione di una sala della musica presso il Centro Mannelli), a interventi finalizzati ad incentivare la riqualificazione estetica del centro storico (riduzione canoni e oneri per i privati per interventi di ristrutturazione, e organizzazione di premi per contributi all’arredo urbano dei privati), fino ad interventi a supporto delle attività commerciali e del turismo (supporto alla qualificazione professionale degli operatori economici locali, contributi per aperture di attività anche in periodi non di picco stagionale, e creazione di una nuova cartellonistica turistica). Infine uno studio apposito sarà condotto sull’intero Capoluogo per valutare il miglioramento della viabilità e le opportunità di aumentare la disponibilità di parcheggi.

I dieci punti deliberati diventeranno per i prossimi due anni e mezzo parte determinante dell’azione di governo locale, almeno per quanto concerne le politiche di valorizzazione e riqualificazione del Centro Storico di Campiglia, seguite dall’assessora al centro storico Viola Ferroni.


 ..............................................................................................................................................................................................


07/12/2015 - “FACCIAMO CENTRO INSIEME”, E CAMPIGLIA SI RIPENSA

Al via il progetto di partecipazione

Dal 7 dicembre 2015 al 7 giugno 2016 è il periodo durante il quale si articola l’esperienza di partecipazione per la riqualificazione del centro storico di Campiglia Marittima. “Facciamo centro insieme” è il titolo del progetto per il percorso partecipativo per il quale il comune di Campiglia Marittima ha avuto un finanziamento di 10.000 euro dalla Regione Toscana a fronte di un costo totale di 15.000 euro. Il percorso avrà una durata di 6 mesi e coinvolgerà i cittadini e chiunque viva, lavori, o abbia un legame con il borgo antico, e che voglia partecipare ai gruppi di lavoro che decideranno, insieme, quali saranno i temi principali: ne dovranno essere scelti 10, sui cui l’amministrazione comunale si impegnerà ad operare.

Il comune di Campiglia Marittima ha aderito al protocollo d’intesa sulla Partecipazione tra Regione ed Eni locali ed ha concorso al bando regionale che periodicamente mette a disposizione contributi per enti pubblici e associazioni che lavorino su percorsi di partecipazione attiva. “Facciamo centro insieme” ha quindi ottenuto dalla Regione un contributo di 10.000 euro sul totale del costo del progetto stimato in 15.000 euro. Il finanziamento della Regione sarà utilizzato per dotare il progetto di un supporto tecnico professionale nel coordinamento delle attività di comunicazione e nella definizione del logo e dell’immagine coordinata del progetto; un’altra figura fornirà un supporto specifico per assicurare il rispetto della metodologia scelta e per lo svolgimento del ruolo di facilitatore nel confronto tra le varie parti interessate e supporti l’amministrazione comunale nella sintesi dei contenuti che emergeranno dai processi partecipativi. Con risorse proprie il comune farà fronte, per 5.000 euro, alla stampa di manifesti, materiali informativi, gadget e altri materiali  informativi.

Il percorso per l’attuazione del progetto prevede la costituzione di un comitato per la partecipazione che si riunirà per la prima volta il 14 dicembre ed è composto dai rappresentanti di espressioni dell’associazionismo locale, da un rappresentante della Giunta, da due consiglieri comunali, uno di maggioranza e l’altro dell’opposizione e da un facilitatore esterno. Il gruppo sarà il garante del percorso. Ci saranno poi un massimo di 12 informatori chiave (individuati dal comitato per la partecipazione in base ai criteri stabiliti nel progetto per garantire la rappresentatività) che saranno  residenti o coloro che svolgono quotidianamente attività nel centro storico e poi un massimo di 100 persone che parteciperanno alle palestre della partecipazione nel cui seno saranno individuate  e votate una serie di proposte. Tutti i residenti del comune riceveranno un invito dall’Amministrazione comunale per partecipare alla palestra e potranno aderire attraverso l’iscrizione nell’area dedicata di questa “Stanza della partecipazione” un portale che la Regione ha creato e potrà essere utilizzato per scambio di informazioni, opinioni, condivisione di documenti e foto. Da questo lavoro usciranno delle linee guida per progettare la rivitalizzazione e riqualificazione del centro storico di Campiglia Marittima che l’amministrazione comunale si impegna portare avanti compatibilmente al bilancio e alla fattibilità della proposta stessa. L’assessore con la delega al centro storico, Viola Ferroni, afferma: “Questo progetto di partecipazione strutturato è una novità assoluta per il nostro comune e credo che il laboratorio di idee per il nostro borgo costituisca un ottimo mezzo sia per chi vive il centro storico sia per l’amministrazione comunale, alla quale rimane comunque la responsabilità delle decisioni e delle scelte. Sarà un cammino che ci farà conoscere meglio il contesto in cui operiamo e renderà tutti più coinvolti e consapevoli nel rapporto con la nostra piccola città e le sue risorse”.

L’assessore alla partecipazione Massimo Battaglia  commenta così l’avvio del progetto: “Il percorso che si intraprende a Campiglia vuol rendere  i cittadini e tutti coloro che hanno a cuore la qualità della vita e dell’ambiente urbano, protagonisti di una rinascita del paese che ha bisogno di fare il punto sugli elementi che potrebbero essere utili investimenti per i prossimi anni. Saranno coinvolti diversi esponenti sia della società civile sia della politica locale dal punto di vista della gestione del progetto,  cittadini ed esponenti locali del sistema produttivo e dei servizi nella fase di proposta delle iniziative da attuare attraverso una molteplicità di strumenti come questionari, assemblee e rete”.  “Il percorso – afferma Battaglia - potrà promuovere proposte concrete che coinvolgano la sfera della riqualificazione urbana, dell'accessibilità e della vivibilità del centro storico, e della sua valorizzazione turistica, da intendere anche in connessione con gli altri poli di attrazione del territorio della Val di Cornia”.

 

Tempi e durata del progetto  (art. 14.2.C la durata massima è di norma 180 giorni)


- Data ufficiale di inizio: 7 dicembre  2015

- Data orientativa di fine: 7 giugno  2016

- Durata complessiva : 6 mesi

 

 

Le fasi del progetto
 

1. FASE ORGANIZZATIVA (metà dicembre  – metà febbraio)

Selezione dei partecipanti e mappatura delle condizioni logistiche, delle risorse e delle attività di comunicazione per avere il massimo coinvolgimento.

1A) Costituzione e avvio lavori Comitato per la partecipazione

1B) Preparazione materiali per analisi preliminare del contesto e delle criticità

1C) Individuazione e coinvolgimento informatori chiave per interviste individuali (operatori economici, rappresentanti istituzionali, opinion leader)

1D) Predisposizione strumenti metodologici per intervistare gli informatori chiave (analisi materiale documentario raccolto, preparazione questionario alla luce delle migliori pratiche disponibili)

1E) Predisposizione della logistica e delle attività organizzative e di comunicazione per accompagnare tutto il processo, a partire dalla campagna di comunicazione per invitare tutti i residenti del Comune a iscriversi alla palestra della partecipazione

 

2. FASE ASCOLTO (metà febbraio – fine marzo)

Attività di ascolto del territorio per definire una mappatura della percezione dei  problemi e coinvolgere il più ampio numero di cittadini possibile attraverso un processo di espansione progressiva della partecipazione.

2A) Realizzazione interviste informatori chiave selezionati

2B) Organizzazione logistica del primo evento della palestra della partecipazione (finalizzato a ricevere le istanze da parte dei partecipanti da sintetizzare per la fase valutativa successiva)

2C) Realizzazione del primo evento della palestra della partecipazione (raccolta istanze attraverso proposte libere da parte dei soggetti intervenuti)

 

3. FASE INTERAZIONE COSTRUTTIVA (aprile)

Analisi, rendicontazione e presentazione risultati Fase 2 e organizzazione della palestra della partecipazione con individuazione di ipotesi condivise e nodi progettuali di rilievo

3A) Raccolta e analisi del materiale prodotto dall’attività di ascolto in Fase 2 e rendicontazione risultati prodotti attraverso una sintesi analitica

3B) Condivisione di quanto emerso  dalla rendicontazione dei risultati all’interno del Comitato per la partecipazione

3C) Predisposizione strumenti metodologici per la realizzazione della seconda fase della palestra della partecipazione (sintesi delle linee di discussione sulla base delle indicazioni emerse nella fase 2 e predisposizione del materiale e dei cartelloni che sarà funzionale alla identificazione delle unità di consenso che saranno espresse nel corso del secondo incontro da parte dei soggetti rappresentativi delle diverse categorie)

3E) Organizzazione e realizzazione della seconda palestra della partecipazione, in cui le proposte sintetizzate saranno valutate attraverso unità di consenso (post-it colorati) da parte dei partecipanti alla palestra.

 

4. FASE PROGETTAZIONE PRELIMINARE (maggio - giugno)

Verifica fattibilità dei nodi progettuali emersi dal percorso di partecipazione e traduzione in progetti d’intervento. E’ previsto un evento conclusivo come momento di ulteriore condivisione con i cittadini

4A) Elaborazione del “Manifesto dei cittadini per il centro storico” basato sulle evidenze emerse nel corso della palestra

4B) Analisi fattibilità “Manifesto dei cittadini per il centro storico” da parte della Giunta con i dirigenti comunali dei settori coinvolti

4C) Elaborazione da parte della Giunta delle Linee di Azione basate sulla progettazione partecipata per la rivitalizzazione e riqualificazione del centro storico e condivisione con il Comitato per la partecipazione. Tali Linee di Azione presenteranno le azioni attuabili nei tre anni successivi 2015-2018 e diverranno oggetto della programmazione economica dell’amministrazione nel successivo triennio, nonché input privilegiato per gli strumenti di pianificazione territoriale in fase di aggiornamento

4D) Evento pubblico presentazione Linee guida per la progettazione partecipata per la rivitalizzazione e riqualificazione del centro storico

 

Calendario

23 apr 2016
h 9:30-12:30   locandina prima palestra partecipazione

Tavoli di discussione Tavoli di discussione

I tavoli di discussione del percorso partecipativo Facciamo Centro Insieme sono un luogo aperto di partecipazione on line che estende la possibilità di partecipazione al percorso a tutti coloro che, avendo a cuore il miglioramento del centro storico di Campiglia Marittima, intendono proporre dei suggerimenti sui temi individuati.

Fino al 5 maggio 2016 sarà possibile inserire proposte. Dopo quella data i contenuti verranno elaborati in via definitiva per il manifesto finale.

logo facciamo centro insieme

29 gennaio 2016 - 11 commenti
Criticità e potenzialità dei luoghi di residenza, lavoro, e servizi; interventi suggeriti in termini di urbanistica, viabilità, accessibilità dei luoghi e dei servizi, sostegno alle attività locali.

PARTECIPA

29 gennaio 2016 - 4 commenti
Relazioni tra vari attori del comprensorio, trasporti e collegamenti tra le diverse aree del territorio.

PARTECIPA

29 gennaio 2016 - 8 commenti
Destagionalizzazione, strumenti di promozione, creazione di iniziative di promozione dell'intero territorio, marchi di qualità e percorsi turistici.

PARTECIPA

I contenuti testuali e multimediali di questa sezione del sito sono sotto la cura e la totale responsabilità del soggetto gestore del processo partecipativo.
Per le policy d'uso della piattaforma, consultare la pagina: open.toscana.it/privacy