Siamo tutti sulla stessa barca

L'associazione FIABA onlus e la direzione marittima della Toscana, sono promotrici del progetto "Siamo tutti sulla stessa barca" finalizzato a promuovere l'abbattimento delle barriere fisiche, culturali e architettoniche. Il progetto vedrà la collaborazione di soggetti pubblici e privati operanti nei settori dei servizi balneari e del terzo settore della Regione Toscana. L'associazione FIABA onlus e la Direzione Marittima della Toscana hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per dare attuazione al progetto, nel luglio 2015 a Livorno.

La finalità del progetto è promuovere l'abbattimento delle barriere architettoniche sotto il profilo fisico, culturale e normativo nel contesto marittimo, mediante la realizzazione di una rete di soggetti pubblici e privati operanti nei settori dei servizi balneari, della portualità (soprattutto turistica) e del diportismo nautico nonché del mondo del terzo settore, dello sport e della cultura che collaborino, attraverso mirate sinergie, per l'implementazione di iniziative utili alla diffusione dell'importanza di rendere accessibile questo ambiente.

Le specifiche iniziative previste sono:
  • costituzione di un tavolo permanente che monitori e promuova, quale laboratorio di studio e ricerca, idonee risposte alla finalità del progetto;
  • progettazione e realizzazione di nuove vie di accesso al mare in ordine a spiagge libere e in concessione ai privati, utilizzabili da tutti i cittadini;
  • definizione di nuove norme e regolamenti che favoriscano la progettazione e realizzazione di infrastrutture idonee a garantire la più ampia autonomia di mobilità da parte di tutti i cittadini;
  • progettazione e realizzazione di unità da diporto idonee ad essere utilizzate da tutti i cittadini;
  • progettazione e realizzazione di nuovi posti di ormeggio nell'ambito dei porti turistici esistenti, idonei ad ospitare unità da diporto utilizzabili da tutti i cittadini;
  • predisposizione, previa analisi, di nuovi protocolli operativi nell'ambito dei quali siano individuate le migliori tecniche di assistenza in mare a favore di tutti i cittadini, in caso di emergenza, nonché delle dotazioni di sicurezza individuali e collettive delle unità da diporto impiegate da chiunque si trovi temporaneamente o non, in condizione di mobilità ridotta;
  • predisposizione di iniziative a carattere culturale volte a migliorare la consapevolezza dell'ambiente circostante, in specie delle risorse naturali che offre l'ecosistema marino e costiero della regione Toscana;
  • ogni altra iniziativa che consenta il conseguimento dell'obiettivo di promozione della cultura e dell'uso pubblico del mare per fini sociali ed educativi nel contesto marittimo.
     
Per l'esecutività del progetto sono previsti:
  • un Tavolo consultivo con le associazioni e gli esponenti/studiosi da individuarsi nell'ambito dei diversi settori al fine di tratteggiare le principali criticità avvertite per orientare le iniziative progettuali;
  • una Conferenza istituzionale permanente coordinata dalla Direzione Marittima di Livorno, con il supporto di FIABA Onlus, finalizzata a sensibilizzare le iniziative necessarie all'abbattimento delle barriere architettoniche e culturali, a individuare eventuali difficoltà attuative nonché promuovere la progettualità, le innovazioni e la semplificazione delle procedure amministrative, in un quadro di scambio di informazioni e messa a sistema di competenze e esperienze nel settore.
  • La Conferenza è costituita da:
    • un ufficiale della Direzione marittima di Livorno, con funzioni di coordinamento;
    • un rappresentante di Fiaba Onlus;
    • un rappresentante della Regione Toscana;
    • un rappresentante dell'Autorità portuale della Regione Toscana;
    • un rappresentatnte dell'ufficio scolastico regionale;
    • un rappresentante dell'ANCI;
    • un rappresentante del CONI;
    • un rappresentante del Provveditorato alle opere pubbliche;
    • un rappresentante del Servizio Sanitario Nazionale;
    • un rappresentante del Registro Italiano Navale;
    • un rappresentante delle associazioni dei porti turistici;
    • un rappresentante delle associazioni dei concessionari balneari;
    • un rappresentante della Società della Salute (Pisa e Livorno);
  • l'Istituzione di un premio permanente,da consegnare nell'ambito dell'evento annuale FIABADAY, da denominarsi “siamo tutti sulla stessa barca”, alla iniziativa che meglio risponda a criteri innovativi, di sostenibilità ambientale, di fattibilità economica e normativa e di rispondenza a quanto si propone il presente progetto, in una logica che promuova l'autonomia fattuale di ogni cittadino in rapporto con il territorio costiero e al mare.
Ultimo aggiornamento: 14.09.2016
Condividi