Attività ispettiva sul trasporto pubblico locale

L'attività ispettiva sul Trasporto pubblico locale (TPL) è l'attività di verifica della qualità dei servizi erogati dalle aziende di trasporto che operano in Toscana.
 
  • Ai sensi dell'art 24 LR 42\98 (norme per il trasporto pubblico locale) esiste daanni un "gruppo regionale ispettivo di vigilanza sul TPL" con compiti di vigilanza sulla qualità dei servizi erogati dalle aziende di trasporto che operano servizi di TPL in Toscana.
  • ll nucleo ispettivo è attivo con continuità dal 2000.
  • Il gruppo è attualmente composto da 67 ispettori in servizio presso vari uffici regionali, che compatibilmente con le loro mansioni "ordinarie" di ufficio, effettuano (in media 1 o 2 volte al mese a seconda dei casi) ispezioni. Attualmente il gruppo ispettivo è impegnato quasi esclusivamente nel controllo del rispetto di standard qualitativi previsti dal contratto di servizio Regione\Trenitalia per i servizi di TPL ferroviario in Toscana (contratto del 30\12\2009).
  • Tra i controlli previsti dal Contratto, oltre a quelli a bordo treno, vi è anche il controllo di alcune prestazioni che Trenitalia deve assicurare nelle stazioni FS, quali apertura biglietterie, funzionamento emettitrici automatiche ed obliteratrici, informazioni varie ecc. A tal fine gli ispettori regionali esaminano almeno 80 stazioni ogni semestre; nel corso di queste visite gli ispettori non si limitano a controllare il rispetto dei suddetti aspetti di competenza di Trenitalia, ma "osservano" lo stato generale della stazione, comprese eventuali carenze o problemi relativi all'accesso alle stazioni da parte di disabili; l'ufficio che si occupa del coordinamento delle ispezioni le segnala a Trenitalia, affinché questa le riporti alla società RFI (gestore dell'infrastruttura ferrovia e delle stazioni, società del Gruppo FSI, con la quale la Regione Toscana non ha un contratto di servizio come con Trenitalia) per una azione di  sensibilizzazione o ripristino di eventuali guasti. Nel corso degli ultimi anni sono state riportate numerose segnalazioni, in diverse stazioni; le segnalazioni più frequenti riguardano di solito problemi di accessibilità per i disabili alla stazione (presenza scalini, carenza rampe, più raramente guasti ad ascensori) e, a volte, scarsità di bagni per disabili. Vi è da aggiungere che nell'anno 2010  sono state rilevati 4 casi di mancato funzionamento delle pedane per disabili a bordo dei treni di Trenitalia. Per quanto riguarda il  controllo sui servizi automobilistici, ricordato che adesso effettuati di regola dalle amministrazioni provinciali, nel periodo  gennaio\marzo 2010, anche a seguito di reclami pervenuti in regione, venne effettuata dagli ispettori regionali una campagna di  controllo sul funzionamento delle pedane per disabili (ove presenti) a bordo dei bus facenti del servizio TPL in Toscana: vennero controllati circa 80 mezzi, riscontrando quasi 30 casi di mancato funzionamento, il che dette luogo alle previste attività  sanzionatorie a carico delle aziende.
  • Le attività del nucleo ispettivo, oltre per la verifica dei parametri di qualità previsti nel Contratto di Servizio, dai quali, con il  calcolo di specifici indici, si arriva alla determinazione di penali contrattuali, permettono di evidenziare ulteriori carenze o criticità,  anche a seguito di segnalazioni di utenti, a loro volta segnalate a Trenitalia e RFI. La scheda di rilevazione delle stazioni, utilizzata dagli ispettori nella loro attività, si è via via affinata, con specifico riferimento all'accessibilità al servizio di trasporto.
 
Cosa fare per...
Eventuali verifiche da parte degli ispettori regionali possono essere attivate dopo segnalazione al numero verde 800-570530.
 
 
Riferimenti normativi
  • Legge regionale 31 luglio 1998, n. 42 “Norme per il trasporto pubblico locale”
  • Regolamento 3 gennaio 2005, n. 8/R “Regolamento di attuazione dell' articolo 23 della legge regionale 31 luglio 1998, n. 42  (Norme per il trasporto pubblico locale) e successive modifiche. Trasporto pubblico locale su ferro e suoi servizi sostitutivi”
  • Regolamento 3 gennaio 2005, n. 9/R “Regolamento di attuazione dell' articolo 23 della legge regionale 31 luglio 1998, n. 42 (Norme per il trasporto pubblico locale) e successive modifiche. Trasporto pubblico locale su gomma”
  • Regolamento 4 dicembre 2012, n. 70/R “Regolamento di attuazione dell’articolo 23, comma 1 della legge regionale 31 luglio  1998, n. 42 (Norme per il trasporto pubblico locale) recante disposizioni in materia di obblighi dei gestori del trasporto pubblico effettuato con mezzi a guida vincolata, diversi da quelli ferroviari. Modifica al d.p.g.r. 8/R/2005 ed al d.p.g.r. 9/R/2005”
  • DGR n° 697 del 4 agosto 2014 (Approvazione schema convenzione per l'utilizzo in avvalimento del personale degli Enti Locali da parte della Regione Toscana per lo svolgimento di attività di vigilanza ex art. 24 comma 3 lettera b) L.R. 42/1998.
Ultimo aggiornamento: 08.02.2016
Condividi