13 ottobre 2017

Via libera alla legge sulla disabilità. Toschi: "Una rivoluzione culturale"

La bilancia della giustizia

"Una rivoluzione culturale e di linguaggio". Così Massimo Toschi, consigliere per le politiche sulla disabilità del presidente della Toscana Enrico Rossi, accoglie il via libera del Consiglio Regionale alla legge sulla disabilità. "Per la prima volta il Consiglio ha discusso a tutto tondo le politiche della disabilità che hanno il loro fondamento nella Costituzione e nella convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità. Ecco le parole chiave: persona, diritto alla vita indipendente, accessibilità".

La legge sui diritti e le politiche per le persone con disabilità è stata approvata due giorni fa dall'Assemblea regionale toscana e introduce importanti novità. I servizi, ad esempio, non si interromperanno più superati i 65 anni d'età e non si attiveranno più solo al compimento dei diciotto anni. "La pietra angolare – prosegue Toschi – è il lemma 'persona': i disabili sono persone e questa parola chiave apre scenari nuovi. Le persone disabili pongono la questione dei diritti sociali; le persone disabili domandano il progetto di vita indipendente".

"Il testo approvato in Consiglio – puntualizza il consigliere per le politiche sulla disabilità – poteva essere più coraggioso, soprattutto sulla questione delle barriere architettoniche ma la legge mantiene tutta la sua forza culturale di apertura e di innovazione". "Non guardiamo le singole parole – conclude Toschi – ma l'impianto della legge che per la prima volta affronta l'intera questione delle politiche della disabilita: i diritti alla salute, allo studio e al lavoro, ma anche alla cultura e allo sport. Un buon punto di partenza da cui si può solo migliorare".

Toscana Notizie

Condividi