26 marzo 2019

Una città a misura di disabili con la mappa online di Itaca

Immagine: foto di gruppo dei partecipanti

Testata nei quartieri storici  da quaranta disabili anche l’app con gli itinerari  turistici accessibili realizzata grazie alla Sds

PISA. Un tour nei quattro quartieri storici della città per verificare le caratteristiche di accessibilità riportate nella web map: www.itacaturismoaccessibile.it e nella relativa app, è stato realizzato sabato mattina nell’ambito di un’iniziativa che fa parte del Progetto di cooperazione europea Itaca (Itinerari turistici accessibili e aperti), di cui la Società della salute della zona pisana è l’ente capofila. Grazie al progetto, a cui hanno partecipato quaranta cittadini disabili e rappresentanti di associazioni, è stata realizzata una mappa con gli itinerari turistici accessibili di Pisa e in cui sono riportate caratteristiche e informazioni su ben cento strutture turistiche, culturali e ricettive presenti in città.

Il percorso ha attraversato i quartieri storici di Sant’Antonio, Santa Maria, San Francesco, San Martino a partire da Piazza Garibaldi ed è stato curato dall’associazione Guide turistiche di Pisa e dall’associazione Handy superabile onlus. Presente anche un interprete Lis (Lingua dei segni).

Hanno partecipato al tour anche l’assessore comunale alle politiche sociali e presidente della Società della salute della zona pisana, Gianna Gambaccini e l’assessore alla disabilità Rosanna Cardia.

«L’iniziativa di questa mattina è stata utile per sperimentare in prima persona e per collaudare la funzionalità e l’efficacia dell’app – ha commentato Cardia –. Fondamentale il coinvolgimento di tutti, strutture ricettive e turistiche, ma anche associazioni e cittadini che in primis possono dare contributi importanti e utili a migliorare ancora di più la nostra città sul fronte del turismo accessibile». «Siamo contenti della partecipazione al tour – ha detto Gambaccini –. Le persone disabili e delle fasce più deboli della popolazione hanno il diritto di trovare una città rispettosa delle loro necessità».

Al termine del tour, ai partecipanti è stato distribuito un questionario di valutazione. Nelle prossime settimane saranno organizzati laboratori partecipativi di approfondimento.

 

Fonte: www.iltirreno.geolocal.it

Condividi