27 novembre 2019

Livelli essenziali di assistenza, Toscana seconda negli ultimi 7 anni. Rossi: "Tra i migliori nel garantire le cure"

Immagine: foto di una sala operatoria

"Non siamo certo perfetti nell'erogare ai cittadini i servizi sanitari. Ce ne scusiamo con tutti. Ma l'Emilia, la Toscana il Piemonte sono le migliori nel garantire le cure. Seguono Veneto e Lombardia. Lo dice la Fondazione Gimbe". Il presidente Enrico Rossi commenta così i risultati dello studio della Fondazione Gimbe, che si occupa di politica sanitaria e ha monitorato gli adempimenti dei Lea (Livelli essenziali di assistenza) nel periodo 2010-2017, rilevando una "inaccettabile" forbice tra le Regioni.

Nella classifica stilata dalla Fondazione Gimbe in base ai Lea erogati dalla Regioni negli anni dal 2010 al 2017, la Toscana è al secondo posto, con l'89,6% di adempimenti. Al primo posto l'Emilia Romagna, con 92,2%, al terzo il Piemonte, con 86,9%; seguono Veneto (86,7%) e Lombardia (85,3%). In coda Valle d'Aosta, Calabria, Sardegna, Bolzano, Campania, tutte al di sotto del 62% degli adempimenti.

"La sanità toscana - è il commento dell'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi - si dimostra una sanità che, tra le mille difficoltà e problematiche che ci sono a livello nazionale, ha saputo mantenere con costanza un livello altissimo di risposta alle esigenze delle persone".

Per metà dicembre sono attesi i risultati della Griglia Lea relativi al 2018.

Condividi