Scuola di partecipazione

Scuola di partecipazione

Partecipa

Indietro

Siamo sicuri che ...

CONDIVIDI

Siamo sicuri che ...

I ragazzi divisi in gruppi all'interno della classe avranno diversi compiti al fine di portare a compimento nel miglior modo le interviste. I gruppi interni alla classe dovranno:

raccogliere i materiali sull'argomento per definirne i contorni normativi e le figure coinvolte ed illustrarli al resto della classe così da definire il contesto entro cui muoversi

identificare i soggetti che meglio possono dare informazioni circa la problematica analizzata che dovranno poi essere intervistati

preparare i testi delle interviste 

preparare il contesto tecnico dell'intervista per effettuare le riprese nel modo adeguato

testimoniare il lavoro di preparazione dei gruppi all'intervista attraverso le strumentazioni video


Commenti Commenti

classe3c 26/01/17 12.21
E' stato molto divertente partecipare a questa prima parte del progetto sulla sicurezza; un grazie speciale a Francesco Faralli che ci ha insegnato a fare le riprese, e a Diego Mancuso che ci ha fatto conoscere la professione di giornalista!
Inviato il 26/01/17 12.21.
classe3b 14/02/17 14.26
L'intervista, fatta ad Alessandro Salvi, è stata molto interessante perché ha risposto alle nostre domande ,riguardanti il fenomeno dell'immigrazione, in modo molto chiaro. Questo incontro è stato un'occasione per parlare di un argomento così importante e così diffuso nel nostro Paese.
Laura
Inviato il 14/02/17 14.26.
classe3b 14/02/17 14.34
L'intervista che abbiamo fatto al signor Alessandro Salvi, ha arricchito la mia conoscenza per quanto riguarda l'immigrazione, un tema fondamentale che non riguarda soltanto la nostra zona, ma è un fenomeno che interessa tutta l'Europa.
Michele
Inviato il 14/02/17 14.34.
classe3b 14/02/17 16.07
L’intervista a Alessandro Salvi,Secondo me è stata una bella esperienza ,ed è stato anche molto interessante scoprire più informazioni e le varie facce dell’immigrazione.
Mi è piaciuto molto lavorare sulle domande da fargli, ma soprattutto capire e elaborare il modo di esporle ai presenti .
Sono stati affrontati argomenti su i richiedenti asilo, sui rifugiati, sui loro diritti ecc…
A me è piaciuto approfondire l’argomento sui Richiedenti asilo!
Matilde
Inviato il 14/02/17 16.07.
classe3b 14/02/17 16.55
L'intervista che abbiamo fatto ad Alessandro Salvi è stata molto interessante per capire il suo punto di vista sull'immigrazione.
Alessandro Salvi è stato molto approfondito e ci ha fatto capire a fondo il fenomeno dell'immigrazione.
Margherita Brandi
Inviato il 14/02/17 16.55.
classe3b 14/02/17 19.37
L' intervista ad Alessandro Salvi è stata, a mio parere, molto interessante, perché mi ha fatto scoprire alcuni aspetti dell' immigrazione che non conoscevo, fra cui la terminologia adatta e i criteri di distribuzione.
Alessandra
Inviato il 14/02/17 19.37.
classe3b 14/02/17 20.07
L' intervista ad Alessandro Salvi ha arricchito molto le nostre conoscenze. Ha risposto a tutte le domande che noi alunni della classe 3b gli abbiamo posto sulla questione dell' immigrazione. Sono stato molto colpito dalla quantità di immigrati che ci sono in Italia (rappresentano il 10% della popolazione italiana) e purtroppo è venuto fuori che ci sono molti problemi di inserimento di queste persone, causati dalla mancanza di rispetto delle diverse culture sia da parte degli italiani sia da parte degli immigrati. Spero che in futuro tutti questi problemi trovino una soluzione.
Inviato il 14/02/17 20.07.
classe3b 15/02/17 11.42
L'intervista di Alessandro Salvi è stata un'esperienza molto bella, ho imparato delle cose nuove e mi sono divertito molto, io ho fatto parte del gruppo degli intervistatori e quando è toccato il mio turno mi sono divertito.
Pierpaolo.
Inviato il 15/02/17 11.42.
classe3b 27/02/17 22.04
L'intervista fatta ai tre ragazzi originari del Gambia è stata molto coinvolgente perché le nostre domande sono state poste ai diretti interessati. L'incontro, inoltre, non è stato noioso anzi ha interessato tutti.
I tre ragazzi, non conoscendo bene la lingua italiana, preferivano esprimersi attraverso la musica, un linguaggio comprensibile da tutti, infatti alla fine hanno suonato uno strumento tipico dell'Africa: il djembe.
Laura
Inviato il 27/02/17 22.04.