.

#CollaboraToscana è un percorso avviato dall'Assessorato alla Presidenza della Regione Toscana, che include le deleghe alla partecipazione e all'innovazione, con la finalità di costruire  una policy regionale sull’economia della condivisione e della collaborazione

Il percorso ha previsto una serie di tappe di ascolto e co-progettazione che hanno coinvolto diverse direzioni della struttura regionale e una varietà di portatori di interesse provenienti da realtà diverse (altri enti, imprese e startup, terzo settore, cittadinanza attiva), con l'obiettivo di redigere il Libro Verde #CollaboraToscana. Per una agenda regionale sull'economia collaborativa e i beni comuni. Il Libro Verde contiene una mappa delle politiche pubbliche regionali da mettere in sinergia e una proposta di obiettivi, azioni e misure, individuate attraverso il percorso di ascolto e co-progettazione, da mettere in campo ai diversi livelli per massimizzare le opportunità e limitare rischi e criticità delle pratiche che si sviluppano in questo ambito.  

Il Libro Verde #CollaboraToscana (scaricabile cliccando sul link o nella sezione "materiali") è presentato in collaborazione con ANCI Toscana.

Il percorso si svolge con il supporto scientifico del progetto di ricerca internazionale "Co-città e co-territori" nell'ambito di LUISS LabGov - LABoratorio per la GOVernance dei beni comuni  diretto dal professor Christian Iaione ed è curato dal punto di vista metodologico dalla cooperativa Sociolab, con il supporto di Collaboriamo.org.

Nell'aprile del 2018 la Regione Toscana ha pubblicato un primo  avviso rivolto a cooperative di comunità costituite o da costituire che, in tema di economia collaborativa, proponessero progetti per il rilancio dei territori e iniziative per arrestare lo spopolamento di borghi isolati.
Nel dicembre 2018 si è conclusa la valutazione delle domande presentate, con la pubblicazione dell'elenco dei progetti ammessi al finanziamento regionale.
Sono stati selezionati i progetti di 24 cooperative  costituiteo  costituende sparse su tutto il territorio toscano.

Nei primi mesi del 2019 tutte e 24 le cooperative di comunità hanno avviato i progetti selezionati.

Il tema della collaborazione si estende sui temi  ambientali per la tutela delle spiagge con il progetto Toscana Plastic Free e la campagna#spiaggepulite che vede coinvolti le associazioni dei balneari, o per la tutela del mare con il progetto Arcipelago Pulito, che ha permesso di iniziare a ripulire i mari dalle plastiche insieme ai pescatori.

Toscana plastic free" #spiaggepulite

È vietato l’utilizzo di PLASTICA monouso

Da Toscana Notizie:"Spiagge pulite dalla plastica, parte da Viareggio e Castiglione della Pescaia la campagna estiva"...continua a leggere...

. .

Le Cooperative di comunità per il rilancio dei borghi toscani

  • 1 / 1

Calendario

06 ott 2019
14 ago 2019
05 ago 2019
27 lug 2019
21 lug 2019
19 lug 2019
28 giu 2019
08 giu 2019
17 mag 2019
15 mag 2019
11 mag 2019
03 mag 2019
03 mag 2019
05 apr 2019
22 mar 2019
01 mar 2019
22 feb 2019
01 feb 2019
26 gen 2019
20 gen 2019
h 10:00  

LO SVILUPPO DELLE AREE INTERNE E MONTANE: PROGETTI E IDEE PER UN RILANCIO AMBIENTALE, ECONOMICO E SOCIALE

Programma della GIORNATA di STUDIO - Complesso di S. Agostino, Cortona (Ar)

9:30 - INIZIO LAVORI

interverranno:

Vincenzo Ceccarelli, Assessore Regione Toscana

Vittorio Bugli, Assessore Regione Toscana

Raoul Romano, CREA – Rete Rurale Nazionale

Fondazione Symbola, presentazione del libro Atlante dell’Appennino

Professore Antonio de Rossi, presentazione del libro Riabitare l’Italia

 

11:00 - ESPERIENZE E BUONE PRATICHE

interverranno:

Ente Terre Toscana

Unione dei Comuni del Pratomagno e Coop. Betadue, LIFE Granatha

Cooperativa di Comunità della Montagna Cortonese

Unione dei Comuni Montani del Casentino

GAL Appennino aretino

Foresta Modello della Montagna Fiorentina

Unione di Comuni Montani Appennino Pistoiese

Riserva UNESCO

Uomo e Biosfera Appennino tosco-emiliano

Provincia autonoma di Trento

Difesattiva per il sostegno ai pastori

SlowFood Toscana

Synerghia Institute

modera: Miozzo Marcello, Dream Italia

 

13:00-15:00 LIGHT LUNCH

degustazione a cura di Consorzio Vini Cortona

catering a cura di Tuttibuoni Catering coop. Betadue

 

15:00 TAVOLE ROTONDE

- Acquisti verdi e filiere locali: il caso delle scope di erica per la tutela della biodiversità delle brughiere montane

interverranno rappresentanti di Enti e Società private coinvolte nella filiera produttiva dell’erica

- Le cooperative di comunità: sviluppo futuro verso un coordinamento delle realtà montane interverranno rappresentanti delle Cooperative di Comunità toscane

 

17:00 PROIEZIONE DEL DOCUMENTARIO

«IN QUESTO MONDO», La vita delle donne pastore nelle montagne italiane

con presentazione a cura di Anna Kauber, Regista

Luisella Duilia Meozzi, Giornalista Greenaccord

Intervista
Ne parliamo con Gianluca Cristoforetti: "I rischi che vedo non sono tanto legati al tipo di partecipazione degli utenti o alle ricadute di questo tipo di partecipazione sulla privacy delle persone, quanto  piuttosto alla composizione della rete stessa e a chi la gestisce. Come riesco a controllare i sistemi di abilitazione forniti da queste piattaforme? Per quanto mi riguarda, il problema non è affatto fermare o arginare il processo in corso, ma capire come controllare i soggetti gestori della disentermediazione."

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Carlo Andorlini: "Se la partecipazione ha voluto dire costruzione di strumenti di affiancamento di politiche pubbliche, civiche e di responsabilità sociale, oggi che il livello generale di fiducia verso la cosa pubblica è completamente cambiato e per grandi fasce di popolazione purtroppo labile, forse l'unico modo per generare sviluppo di comunità è passare dalla costruzione di processi in cui non ci sia solo il prendere parte (partecipazione) ma il fare insieme, o se vogliamo faticare insieme (collaborazione)."

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Flaviano Zandonai: "Il rischio è che la dimensione collaborativa non diventi una dimensione sanamente popolare ma rimanga un fenomeno riservato a certe fasce della popolazione o a certi territori o a certi ambiti."

leggi di +

Intervista
Una intervista doppia con Christian Iaione di LabGov e Silvia Givone di Sociolab uscita su Collaboriamo.org, nella quale si ripercorrono le tappe del percorso #CollaboraToscana e si illustrano obiettivi e risultati. Una occasione per approfondire alcuni temi chiave e scoprire il metodo dietro al processo. 

leggi di +

Intervista
Giuseppe Viesti di Ferragamo racconta la sperimentazione di un progetto di carpooling aziendale messo in campo dall'azienda in collaborazione con jojob. Il racconto di un esperienza concreta da uno dei partecipanti al percorso #CollaboraToscana.

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Francesca Bianchi: "L’aspetto più interessante a mio parere è proprio questa duplice dimensione degli effetti prodotti dal modello collaborativo: effetti economici ma anche e soprattutto effetti sociali. Per cui considerarne solo una sarebbe sbagliato e riduttivo."

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Marta Leonori: "E’ fondamentale partire mettendo intorno a un tavolo i diversi attori: quelli che sanno come funziona il settore e che ne sanno intuire le prospettive, i giovani imprenditori delle startup, ma anche i consumatori, gli imprenditori tradizionali, le associazioni."

leggi di +

Intervista

Ne parliamo con Massimo Alvisi: L’economia collaborativa permette alla trasformazione di avvenire durante il processo e così facendo unisce l’ideazione all’azione, la co-progettazione alla realizzazione.”

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Luca Raffini: "Assistiamo ad una riduzione dell’importanza del ruolo delle istituzioni e allo stesso tempo, contano sempre di più le connessioni tra i singoli individui [...] che si connettono tra di loro, creando una rete di relazioni, scambi, conoscenze nuovi rispetto al passato."

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Marta Mainieri: "Ancora prima che normarlo, secondo me è necessario conoscere questo nuovo modello, capire come funziona e quali accorgimenti, dal punto di vista del design dei servizi, si possono mettere in campo per aiutarne una crescita consapevole."

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Enrico Gargiulo: "Qualunque forma di costruzione dell’economia che includa e dia potenzialmente voce a chi abita il territorio è in linea teorica positiva e democratica, la questione è che questa ha spesso una dark side. L’ente pubblico deve fare attenzione a chi effettivamente riesce a partecipare a queste nuove forme di economia. Per coinvolgere tutti bisogna prima di tutto sapere se tutti hanno davvero l’opportunità di partecipare."

leggi di +

Intervista
Ne parliamo con Ivana Pais: "Le azioni che un Governo locale dovrebbe intraprendere a mio avviso sono due. La prima si basa sull’ascolto delle iniziative che partono dal basso, la seconda riguarda l’implementazione di politiche basate su un’azione attenta di monitoraggio e valutazione. In un giusto processo che parte dal basso, l’ascolto dev’essere il punto di partenza e non il fine del processo stesso, ma il primo di molti gradini.  La partecipazione deve sapersi tradurre in politiche e il settore pubblico deve giocare un ruolo fondamentale in questo senso."

 

 

leggi di +

Intervista

Ne parliamo con Stefano Bartolini:"Si tende spesso ad identificare con economia collaborativa un’economia che passa solo ed esclusivamente da internet e dalle piattaforme digitali, ma questo non sempre è vero poiché stanno diffondendosi forme di collaborazione che non passano affatto i canali digitali, come gli esempi del cohousing e del coworking."

leggi di +

I contenuti testuali e multimediali di questa sezione del sito sono sotto la cura e la totale responsabilità del soggetto gestore del processo partecipativo.
Per le policy d'uso della piattaforma, consultare la pagina: open.toscana.it/privacy