Pesa anche tu

mediatore: Francesco Piragino
Partecipa
441

visitatori

5

incontri

0

commenti

1

tavoli

CONDIVIDI

Contatti: mail: info@cdfpesa.it ;  tel 055 4625771

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Il progetto  è finalizzato ad attivare un percorso aperto, partecipato e condiviso che possa condurre alla costruzione di un Contratto di fiume. E' volto alla riqualificazione e valorizzazione integrata del fiume e del suo territorio di riferimento attraverso la conoscenza delle dinamiche, delle problematiche e delle potenzialità del territorio d'indagine per attivare azioni, politiche e strategie di prevenzione del rischio idraulico e di valorizzazione delle risorse socio-economiche, paesaggistiche e ambientali.

L’idea è quella di implementare e consolidare le azioni partecipative da tempo avviate nella Val di Pesa per la sottoscrizione dei CdF, che ha portato il Consorzio di Bonifica 3 –Medio Valdarno ad attivare un Tavolo di coordinamento (composto da enti, amministrazioni pubbliche, associazioni locali, scuole) all’interno del quale  si è condivisa la volontà di avviare una riqualificazione integrata dei bacino e di riportare il bene collettivo “acqua” al centro delle iniziative e politiche locali per promuovere la riqualificazione fluviale, il turismo, la fruizione, la produzione di energia alternativa e la promozione di un'economia agricola sostenibile anche attraverso la sperimentazione di forme innovative di gestione del rischio idraulico.

E’ un progetto pilota dove si vuole mettere a punto una metodologia che possa essere replicabile, con le opportune modificazioni di contesto, in altri ambiti territoriali della Toscana interessati, secondo le previsioni dell’URBAT dallo stesso strumento.

 

I PROPONENTI

Il progetto è promosso dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno con il coinvolgimento dei Comuni Greve in Chianti, Radda in Chianti, Castellina in Chianti, Tavarnelle Val di Pesa, San Casciano in Val di Pesa, Montespertoli, Scandicci, Lastra a Signa, Montelupo Fiorentino, dall'Università degli studi di Firenze ed enti di ricerca,dalle scuole e delle associazioni locali del territorio già attive, nelle precedenti fasi del progetto, alla messa a punto del contratto di fiume.

 

OBIETTIVI

Il processo, ponendosi in continuità con i risultati raggiunti dalle attività già intraprese, vuole attivare un percorso partecipato che possa condurre alla costruzione di un Contratto di fiume per sperimentare un metodo innovativo di gestione degli ambienti fluviali e del rischio idraulico per:

  • perseguire in modo integrato la difesa del suolo e la sicurezza territoriale;
  • garantire la qualità dell’ambiente e delle acque
  • promuovere la riscoperta e la valorizzazione del paesaggio e le relazioni tra fiume e insediamenti anche attraverso il potenziamento delle modalità turistico fruitive, dell’accessibilità al fiume e del suo territorio di riferimento
  • favorire lo sviluppo di economie locali e forme di agricoltura sostenibile
  • favorire la conoscenza e la costruzione condivisa delle trasformazioni territoriali

L’obiettivo è arrivare alla sottoscrizione, da parte di diversi soggetti della comunità locale, di un patto volontario dove tutti si impegnano a realizzare, ognuno per le proprie competenze le strategie e azioni per la riqualificazione del territorio fluviale.

 

Fasi del progetto

 

Le fasi operative sono precedute da quelle organizzativa e comunicativa che sono volte a mettere a punto le strategie del progetto, ad individuare gli attori e a elaborare gli strumenti di diffusione del processo (brochure, social network, email ecc) La comunicazione, peraltro, è prevista durante lo svolgimento dell’intero processo. Sono previste attività partecipative a scala di bacino e a scala di ambito (alta, media e bassa valle)

FASE 1

Costruzione del quadro conoscitivo: individuazione di criticità e potenzialità, raccolta dati e progetti per il contesto in esame.

FASE 2

Prima definizione dello scenario strategico: individuazione di progetti tematici di bacino e prima definizione della visione futura di medio e lungo periodo.

FASE 3

Approfondimenti locali delle strategie: progetti e scenari di ambito in base ai quali definire il programma di azione: elaborazione integrata dei progetti di ambito e definizione dello/degli scenario/i di ambito di riferimento ai singoli progetti.

FASE 4

Approfondimento dei progetti e prima definizione del Piano di Azione: individuazione dei progetti prioritari che dovranno essere realizzati.

FASE 5

Primi elementi di monitoraggio del progetto/processo per garantire correzioni di rotta e la flessibilità del CdF: individuazione condivisa delle modalità e degli indicatori quali/quantitativi.

COME PARTECIPARE 

Il percorso prevede diverse forme e strumenti  partecipativi che si alternano nelle diverse fasi. Potrai prendere parte al progetto:

  • partecipando alle giornate di discussione (OST Open Space Tecnology, Focus group, swot analis, convegno);
  • partecipando ai laboratori di progettazione dei cittadini (Action plannig);
  • partecipando agli eventi di animazione sul territorio;
  • ponendo domande via e-mail o sui social network;
  • inviando i contributi (relazioni, ricerche, foto, cartografia, proposte, ecc.) via e-mail;
  • chiedendo informazioni al numero ????

 

 

Calendario

14 Nov 2017
23 Nov 2017
11 Dec 2017
16 Dec 2017
21 Dec 2017
h 14   Incontro con i sindaci. Presso la sede operativa del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno  S.P. del Virginio, n. 150, Loc. Baccaiano - Montespertoli (FI) ore 15,30 

Per contribuire a migliorare le misure di semplificazione proposte partecipa ai tavoli di discussione. Puoi esprimere la tua opinione con un giudizio sintetico su quanto ritieni utile la misura; puoi commentare le misure e proporre modifiche o miglioramenti, eventualmente  rispondendo alle domande proposte all’interno di ciascun tavolo di  discussione, puoi proporre tu stesso una nuova misura.
I contenuti testuali e multimediali di questa sezione del sito sono sotto la cura e la totale responsabilità del soggetto gestore del processo partecipativo.
Per le policy d'uso della piattaforma, consultare la pagina: open.toscana.it/privacy